Nuovi collaboratori

I datori di lavoro si assumono la responsabilità (CSR)

Prende sul serio la responsabilità sociale e il tema del reinserimento professionale è per lei più di una semplice parola d'ordine? L'impegno sociale e l'aumento della soddisfazione dei collaboratori sono importanti per lei a livello strategico tanto quanto l'ottimizzazione della redditività? Tutto questo può essere combinato nel miglior modo possibile. Ricerche e studi dimostrano che le imprese che si impegnano a favore dei valori sociali sono più redditizie a lungo termine. La diversità sociale promuove la lealtà interna e riduce la fluttuazione dei dipendenti.

Il reinserimento professionale delle persone con problemi di salute è un compito socio-politico impegnativo e importante. Un lavoro remunerativo fornisce la base per il sostentamento, trasmette riconoscimento e apprezzamento e sostiene l'integrazione nella società.

Giovani e disabili – una via di successo nel mondo del lavoro

Ogni anno 2'000 giovani in Svizzera non riescono a entrare nel mercato del lavoro a causa di handicap fisici o psichici. Essi dipendono invece da una rendita dell'AI. Mentre il numero dei nuovi beneficiari di rendite AI si è dimezzato negli ultimi dieci anni, quello dei giovani beneficiari di rendite è rimasto costantemente elevato.

Oggi un beneficiario di rendite AI su sette ha tra i 18 e i 24 anni. Il numero costantemente elevato di giovani colpiti è preoccupante. Spesso rimangono dipendenti dalle prestazioni sociali per tutta la vita, senza poter realizzare il loro potenziale sul mercato del lavoro. Mentre il passaggio dalla scuola alla formazione professionale spesso funziona bene, l’ingresso nella vita lavorativa è molto più difficile per i giovani e i loro datori di lavoro. Con l'obiettivo di integrare con successo i giovani disabili nella vita lavorativa, Compasso ha analizzato la situazione in Svizzera in uno studio insieme ai rappresentanti del settore privato, ai partner di sistema e ad altri attori interessati. Sono stati individuati quattro campi d'azione rilevanti e sono state sviluppate otto misure concrete:

Accompagnati nella vita lavorativa

Per i giovani colpiti e i loro genitori è fondamentale un supporto affidabile e uniforme del processo. Questo sostegno dovrebbe iniziare con la scelta di una professione negli ultimi due anni di scolarizzazione e terminare solo quando il passaggio dalla formazione alla vita lavorativa sarà stato completato. Le esigenze dei datori di lavoro sono simili: si aspettano un supporto affidabile nel trattare con i giovani con disabilità. Anche nella fase in cui le persone interessate cercano di affermarsi nella professione, i datori di lavoro devono ottenere un supporto mirato per permettere l’integrazione professionale con successo.

Garantire il sostegno e il finanziamento dei processi tramite il Case Management Formazione professionale a livello cantonale.

Garantire il supporto del processo e il suo finanziamento dall'inizio della scelta della professione fino all’affermazione nella vita lavorativa.

Rendere visibili le competenze

Per i potenziali datori di lavoro chiarire queste competenze, nonché la capacità di carico dei giovani rispetto alle esigenze del posto di lavoro. Solo così si può sfruttare appieno il potenziale della formazione. Ciò richiede strumenti riconosciuti che consentano una valutazione realistica delle competenze e delle capacità acquisite in relazione ai requisiti sul posto di lavoro. Soprattutto i tirocini in azienda, migliorano le possibilità dei giovani adulti che svolgono un apprendistato di affermarsi nel mercato del lavoro. Ciò è dovuto al fatto che tale esperienza pratica fornisce informazioni importanti per capire se le competenze esistenti soddisfano i requisiti sul posto di lavoro.

 

Ulteriore sviluppo degli strumenti pratici esistenti, sulla base dei quali devono essere evidenziare in modo comprensibile le competenze e le abilità acquisite, nonché la capacità di carico per le esigenze del lavoro e le condizioni quadro.

Promuovere la formazione nelle istituzioni, attraverso stage nel mercato del lavoro primario.

Migliorare i fatti

In Svizzera sono attualmente investite molte risorse nell'accompagnamento e nella formazione dei giovani adulti disabili. Tuttavia, in gran parte mancano dati riconosciuti sugli effetti di questi servizi. Per ottenere un impatto migliore, sono necessari fatti e cifre affidabili sul rapporto tra impegno e risultato dell'integrazione.

 

Rendere disponibili sul sito web di Compasso i Best Practice, con l'aiuto di una varietà di esempi di successo specifici per la prima integrazione professionale.

Migliorare le statistiche raccogliendo e riportando i dati sull'impatto della prima integrazione nel mondo del lavoro.

Creare condizioni quadro attrattive

Migliori condizioni quadro cantonali e nazionali sono essenziali per soddisfare la forte necessità d'intervento nell'integrazione professionale dei giovani disabili. Soprattutto, sono necessari incentivi positivi. Ad esempio, i giovani adulti con disabilità sono attualmente poco incentivati ad aumentare la loro produttività e il carico di lavoro, perché l'aumento di reddito associato è spesso inferiore alla perdita di una rendita parziale. Di conseguenza, alla fine del mese avrebbero meno soldi nel portafoglio. Gli incentivi nella LAI dovrebbero essere ridotti mentre gli assegni per l’introduzione nel mondo del lavoro dovrebbero essere rafforzati riconsiderando l'accesso alle rendite.

Rafforzare gli incentivi nel contesto del partenariato sociale e a livello settoriale, fornendo schemi per sostenere la prima integrazione professionale dei giovani disabili.

Studia di Compasso " Pour une entrée réussie des jeunes en situation de handicap dans le monde du travail"