Compasso

Lagerstrasse 33
8021 Zurigo
info@compasso.ch
044 299 95 84

La mia collaboratrice non è più abile al lavoro. Come faccio?

Se uno dei suoi dipendenti è diventato inabile al lavoro, vale la pena di adottare tempestivamente misure per trovare una soluzione.

Le sue opzioni concrete di intervento e l'eventuale sostegno offerto dall’assicuratore di indennità giornaliera per malattia o dall'assicurazione contro gli infortuni, dipendono dal fatto che l'assenza del dipendente colpito sia dovuta a malattia, a un infortunio assicurato o a una malattia professionale. È rilevante anche il fatto che il suo dipendente sia iscritto o meno a un'assicurazione d'indennità giornaliera per malattia.

Se i collaboratori diventati inabili ricevono un sostegno coordinato da varie parti e sono generalmente ben accompagnati nel processo di mantenimento del posto di lavoro, il risultato è molto spesso positivo. I numerosi esempi pratici raccontano tutti la storia di una (re)integrazione di successo. 

L’inabilità al lavoro è dovuta a malattia

Quale datore di lavoro, deve prima di tutto farsi un'idea chiara se può aspettarsi di poter riportare il suo dipendente al suo abituale posto di lavoro o meno. Per questo è utile parlare con l'interessato e, se necessario, con il medico curante. Spieghi al medico i requisiti necessari per il posto di lavoro occupato dal dipendente. E chieda se e, in caso affermativo, quando e a quali condizioni è possibile che esso torni al lavoro. In questo contesto è fortemente raccomandato l'utilizzo del Profilo di integrazione orientato alle risorse (PIR).

La preghiamo di considerare che non si dovrebbe chiedere la diagnosi quando si parla con il medico curante. Per facilitare lo scambio tra datore di lavoro e medico, le persone toccate possono rilasciare una procura.

Ecco due modelli per il rilascio di una procura per lo scambio di informazioni sul mantenimento del posto di lavoro

Risposte a domande frequenti

Di seguito sono elencate le domande e le risposte più importanti relative alle assenze per malattia.
 

In qualità di datore di lavoro, può richiedere una discussione del caso o organizzarne lei stesso un incontro. Partecipanti:

  • Persona interessata
  • Uffici e istituzioni che contribuiscono a garantire il successo del ritorno al lavoro (casse IPG, ufficio AI, medici curanti, ecc.)

L'obiettivo è quello di chiarire e coordinare l'ulteriore procedura con tutte le parti coinvolte. È anche importante registrare la gestione del caso e le misure successive. Si assicuri che tutte le persone di contatto, nonché i loro numeri di telefono e indirizzi e-mail siano disponibili.

L'assicuratore d'indennità giornaliera per malattia valuta il suo obbligo di prestazione sulla base dei documenti medici e di altri documenti dopo aver ricevuto la sua notifica di malattia. Di regola, viene a sapere rapidamente se l'assicuratore accetta la sua richiesta di indennità giornaliera in caso di malattia.

Inoltre, molti assicuratori offrono altri servizi nel campo della diagnosi precoce e del mantenimento del posto di lavoro. L'assicuratore si impegna così a migliorare il coordinamento e la cooperazione tra i partner. Può anche chiedere ai dipendenti interessati di annunciarsi presso l'ufficio AI competente e di istituire un sistema di case management. La persona interessata beneficia di misure mirate per la stabilizzazione medica e professionale.

La legge prevede la continuazione del pagamento del salario per un "periodo ragionevole", ma almeno per tre settimane. Il diritto aumenta ad ogni anno di lavoro. I tribunali svizzeri non hanno concordato una durata specifica. Ciò che è appropriato viene misurato secondo la scala di Basilea, Berna o Zurigo. Può trovare ulteriori informazioni qui.

Le vacanze non possono, in linea di principio, essere ridotte. Solo se una persona è malata da più di due mesi può ridurre il diritto alle ferie di un dodicesimo per il secondo e per ogni mese intero successivo.

La menzione della malattia nel certificato di lavoro è consentita solo in casi eccezionali. Ciò si verifica se la malattia era direttamente correlata alla capacità lavorativa del dipendente ed è stata la causa del licenziamento.

Una notifica all’AI è utile se

  • Necessita del supporto dell'ufficio AI per il mantenimento del posto di lavoro
  • Dovrebbero essere prese in considerazione le prestazioni dell’AI per l'integrazione
  • È improbabile che la persona interessata possa tornare al suo precedente posto di lavoro.

La preghiamo di considerare che la notifica all’AI può essere effettuata solo dal suo dipendente. Tuttavia, è consentito offrirgli supporto. Se ha stipulato un'assicurazione malattia giornaliera, la compagnia di assicurazione provvederà, se del caso, alla notifica all'AI. I datori di lavoro saranno informati direttamente.

Qui trova il modulo per la notifica all’AI e qui l'ufficio AI competente.

Ulteriori informazioni sulla notifica all'AI si trovano nella "Guida alla collaborazione tra gli assicuratori d'indennità giornaliera e gli uffici AI con il coinvolgimento dei datori di lavoro", a partire da pag. 5. (in francese)

Esistono numerose prestazioni dell’AI che sostengono il mantenimento del posto di lavoro, ad esempio, servizi di consulenza, aiuto per l'adeguamento del posto di lavoro o corsi di formazione. Se il mantenimento del posto di lavoro non è realistico, gli uffici dell’AI valutano un riorientamento professionale e, se necessario, lo preparano. Se l'integrazione professionale non è (o non è più) possibile, l'AI chiarisce il diritto alla rendita della persona interessata.

Dopo che il suo collaboratore ha effettuato la notifica all’AI, riceverà un "questionario per il datore di lavoro" dall'ufficio AI competente. Il questionario aiuta l’AI a valutare la situazione. Il questionario compilato deve essere restituito all'ufficio AI il più presto possibile, al più tardi entro 10 giorni.

Dovrebbe inoltre fornire all'ufficio AI tutte le informazioni rilevanti sulle misure già implementate. Ciò può includere informazioni/documenti relativi a lavori a titolo di prova, adeguamenti del posto di lavoro o misure di trasferimento/riorientamento già avviate.

Non dimentichi di indicare se desidera un colloquio con l'ufficio AI. Il questionario dell’AI per il datore di lavoro lo trovate qui, l’ufficio AI competente qui.

Lo scopo principale del colloquio è il mantenimento del posto di lavoro. Verrà anche valutato il suo bisogno di supporto. Sia il più cooperativo e aperto possibile. Porti le sue idee per la ripresa del lavoro del suo collaboratore. Fornisca informazioni sulla possibilità e la volontà di mantenere il suo dipendente in azienda. Discuta in anticipo insieme a lui la strategia.

A seconda della situazione, possono essere interpellati altri partner per chiarire e coordinare ulteriori azioni - ad esempio altri rappresentanti dei datori di lavoro, rappresentanti degli assicuratori (assicurazione d'indennità giornaliera per malattia, cassa pensioni) o medici.

Il colloquio (chiamato anche "tavola rotonda") è organizzato dall’AI che invita tutti gli uffici e le istituzioni competenti e prepara la discussione raccogliendo le informazioni necessarie.

Durante il colloquio, il datore di lavoro, l'ufficio AI e l'assicuratore d'indennità giornaliera per malattia, decidono insieme chi coordinerà l'integrazione professionale del suo collaboratore. Essi determinano inoltre le misure da adottare per mantenere il posto di lavoro e/o promuovere l'occupabilità dell'interessato. Le responsabilità, la ripartizione dei costi e i canali di comunicazione vengono chiariti in modo vincolante.

L'ufficio AI sostiene in primo luogo tutte le misure che riportano i collaboratori al lavoro. È quindi particolarmente importante che fornisca all’AI le seguenti informazioni/documenti (se non li ha già allegati al questionario del datore di lavoro)

  • Lavori a titolo di prova effettuati
  • Adeguamenti del posto di lavoro
  • Introduzione di misure di ricollocamento/riorientamento
  • Altre misure attuate o che sta considerando

Non riesce a trovare una posizione adatta per il suo dipendente con problemi di salute nella sua azienda e deve procedere al licenziamento o l’ha già fatto? In questo caso, è necessario discutere la procedura con l'ufficio AI competente e con la persona interessata. Sottolinei che ha già esaminato le opzioni disponibili e chieda supporto.

La preghiamo di informare del licenziamento gli assicuratori coinvolti fino a quel momento (assicurazione d'indennità giornaliera per malattia, l’ufficio AI, istituto di previdenza/cassa pensione).

Maggiori informazioni sul sito web della Segreteria di Stato dell'economia SECO, Impedimento al lavoro da parte del collaboratore. (Riquadro 3)

Durante il periodo di prova non vi è alcuna protezione contro il licenziamento. In seguito, la protezione contro il licenziamento è di 30 giorni nel primo anno di lavoro, 90 giorni dal secondo al quinto anno e 180 giorni dal sesto anno. Dopodiché è possibile rescindere il contratto rispettando il termine di preavviso - anche se la malattia è ancora in corso.

Il licenziamento è abusivo solo a causa di malattia - senza che ciò influisca sullo svolgimento del lavoro. Tuttavia, se la prestazione peggiora a causa della malattia, è ammesso il licenziamento debitamente motivato.

L’inabilità al lavoro è dovuta a un infortunio assicurato o a una malattia professionale

In linea di principio, l'assicuratore contro gli infortuni assume la gestione attiva dei casi d'infortunio e delle malattie professionali. In caso di domande e anche per quanto riguarda l'integrazione professionale, l'assicuratore infortuni la aiuterà a decidere se e come coinvolgere l'ufficio AI.

Tuttavia, è importante che i datori di lavoro si facciano prima di tutto un quadro preciso della possibilità di ricollocare il dipendente al suo posto di lavoro. Per poterlo valutare, è consigliabile parlare con la persona interessata ed eventualmente con i medici che la curano. Spieghi ed elenchi durante il colloquio i requisiti necessari sul posto di lavoro. Chieda se è possibile che torni al lavoro e, in caso affermativo, quando e a quali condizioni. Raccomandiamo vivamente di utilizzare il Profilo di integrazione orientato alle risorse (PIR). Informi l'assicuratore infortuni sugli esiti del colloquio e sull'utilizzo del PIR.

Oltre al certificato di capacità lavorativa, le informazioni sui requisiti e le condizioni sul posto di lavoro vengono scambiate attraverso il Profilo di integrazione orientato alle risorse (PIR) sviluppato da Compasso. Questa documentazione facilita il ritorno al lavoro, soprattutto se si è parzialmente in grado di lavorare, perché vengono chiaramente esplicitate le capacità del dipendente. Il PIR è un’opportunità di relazione che può essere proposta dai datori di lavoro. Esso può anche motivare i collaboratori a chiedere al proprio medico di richiedere il certificato di idoneità al lavoro delle SIM (Swiss Insurance Medicine). Informi anche gli assicuratori partecipanti o li coinvolga.

Qui trova tutte le informazioni sul PIR

Qui trova tutte le informazioni sul certificato di capacità lavorativa della SIM (in francese)


A partire dal 2019, Swiss Insurance Medicine (SIM) ha sviluppato un nuovo ed efficace certificato medico che si concentra sulle risorse e le competenze ancora disponibili.

Qui trova tutte le informazioni sul certificato di capacità lavorativa della SIM (in francese)


L’obiettivo è il mantenimento del posto di lavoro

Un dipendente è da tempo inabile al lavoro a causa di malattia o infortunio. Lei vorrebbe reintegrare questa persona nella sua azienda, anche se ciò è possibile solo a tempo parziale. Infatti lei non vorrebbe perdere questo prezioso dipendente e allo stesso tempo vuole mantenere le competenze in azienda. Poiché non sa esattamente cos'altro è possibile, vorrebbe una valutazione medica delle risorse.

Infatti, in caso di malattia o infortunio, i certificati medici sono di fondamentale importanza. Aiutano i datori di lavoro e i dipendenti a tornare al lavoro in modo adeguato. I due strumenti seguenti vi aiutano a valutare cosa può fare la persona interessata, in quale forma e a quali condizioni:

Il certificato di capacità lavorativa e il PIR confermano il generale cambiamento di paradigma nel reinserimento professionale, passando dal precedente pensiero orientato al deficit a quello orientato alle risorse ancora disponibili. Vengono messi a fuoco i punti di forza, le competenze e, di fatto, le risorse esistenti e non più le capacità mancanti. L'uso congiunto e parallelo del certificato di capacità lavorativa e del PIR semplifica il ritorno (graduale) del dipendente sul posto di lavoro.

Ulteriori risposte in relazione alle assenze si trovano sopra alla rubrica "Risposte a domande frequenti“.

Risposte a domande centrali

Di seguito sono riportate le domande e le risposte più importanti relative ad un’assenza a causa di un infortunio assicurato o ad una malattia professionale.
 

L'assicurazione contro gli infortuni esaminerà il caso e informerà lei e i collaboratori interessati sul diritto alle prestazioni. Questa conferma avviene di solito entro tre giorni.

Se in questa fase iniziale è chiaro che è indicata una notifica all’AI, l'assicuratore infortuni provvederà a farla (dalla persona interessata). Lei sarà informato di conseguenza. Durante gli sviluppi successiviall’infortunio, l'assicuratore assume un ruolo attivo nella gestione del caso, ovvero si coordina costantemente con tutte le parti coinvolte, intraprende i passi necessari e la informa regolarmente sullo situazione o rimane in contatto con lei. Questo sarà così fino alla chiusura del caso o fino alla fine della sua responsabilità. L'assicurazione contro gli infortuni la informerà sulle formalità di chiusura e garantirà l’accompagnamento verso un’eventuale soluzione successiva (ad es. trasmissione del caso alla cassa malati).

Rifletta quale potrebbe essere una buona soluzione a lungo termine sia per lei che per la persona interessata. L'ufficio AI competente o il suo assicuratore d'indennità giornaliera per malattia la sosterrà in questo compito.

Un ritorno al lavoro di successo può avere un effetto positivo sull'atmosfera di lavoro. Dimostri il suo apprezzamento per i singoli dipendenti - ciò promuove la fiducia di tutti i dipendenti nei suoi confronti e rafforza la loro lealtà e il legame nei confronti della sua azienda.

Mappa di sistema

La mappa del sistema Compasso la aiuta come datore di lavoro a orientarsi nella complessa giungla delle assicurazioni sociali e private e nella gestione dei collaboratori che sono assenti per malattia o hanno avuto un incidente. I sei processi più comuni di (re)integrazione professionale sono mostrati nelle cosiddette mappe di sistema. Le mappe (in francese) visualizzano le interfacce tra il datore di lavoro e i partner di sistema e mostrano i legami e le interdipendenze in modo trasparente.

 

Représentation systémique 1 - cas de maladie avec décision d’octroi de rente AI

Représentation systémique 2 – cas de maladie sans décision d’octroi de rente AI

Représentation systémique 3 – cas de maladie sans assureur IJM, avec rente

Représentation systémique 4 – cas de maladie sans assureur IJM et sans décision d’octroi de rente AI

Représentation systémique 5 – accident avec décision d’octroi de rente AI avec rente AA

Représentation systémique 6 – accident sans décision d’octroi de rente avec rente AA

I partner coinvolti e la loro paletta di compiti/servizi

Cosa fare se un dipendente è spesso assente o se, in generale, ha problemi di salute? Chi mi sostiene se voglio mantenere i dipendenti interessati sul posto di lavoro? Cosa possono fare i datori di lavoro per aiutare i dipendenti a reintegrarsi professionalmente? Troverà le prime risposte a queste e ad altre domande nelle seguenti due panoramiche delle misure. Servono come linee guida nei processi di integrazione professionale. La stretta collaborazione e il coordinamento tra tutti i partner coinvolti consente un supporto ottimale per i collaboratori con problemi di salute e per i loro datori di lavoro. Queste panoramiche comprendono le misure più importanti e non sono esaustive. Per ulteriori informazioni le consigliamo di rivolgersi all'AI, al suo assicuratore infortuni o alla sua cassa malati.